Festa della Natività della Beata Vergine Maria

V. e/o scarica il testo poliglotta delle letture della festa della Natività della Beata Vergine Maria  in formato pdf.

Le letture previste dal calendario ufficiale per la festa della Natività della Beata Vergine Maria sono:
Mi 5,1-4a  Dal Sal 12 (13)
Rm 8,28-30  Mt 1,1-16.18-23

Nota: I testi compresi fra parentesi quadre non fanno parte del lezionario “ufficiale”. 

Michea 5,1-4a

1E tu, Betlemme di Èfrata,
così piccola per essere fra i villaggi di Giuda,
da te uscirà per me
colui che deve essere il dominatore in Israele;
le sue origini sono dall’antichità,
dai giorni più remoti.
2Perciò Dio li metterà in potere altrui
fino a quando partorirà colei che deve partorire;
e il resto dei tuoi fratelli ritornerà ai figli d’Israele.
3Egli si leverà e pascerà con la forza del Signore,
con la maestà del nome del Signore, suo Dio.
Abiteranno sicuri, perché egli allora sarà grande
fino agli estremi confini della terra.
4Egli stesso sarà la pace!

Dal Salmo 12 (13)

R. Gioirò pienamente nel Signore
l’anima mia esulta nel mio Dio (2v).

Guarda, rispondimi, Signore, mio Dio,
conserva la luce ai miei occhi
perché non mi sorprenda il sonno della morte
perché il mio nemico non dica l’ho vinto. R.

Io nella tua fedeltà ho confidato;
esulterà il mio cuore nella tua salvezza,
canterò al Signore,
che mi ha beneficato. R.

Romani 8,28-30

28 Fratelli, noi sappiamo che tutto concorre al bene, per quelli che amano Dio, per coloro che sono stati chiamati secondo il suo disegno. 29 Poiché quelli che egli da sempre ha conosciuto, li ha anche predestinati a essere conformi all’immagine del Figlio suo, perché egli sia il primogenito tra molti fratelli; 30 quelli poi che ha predestinato, li ha anche chiamati; quelli che ha chiamato, li ha anche giustificati; quelli che ha giustificato, li ha anche glorificati.

Matteo 1,1-16.18-23

1 Genealogia di Gesù Cristo figlio di Davide, figlio di Abramo. 2 Abramo generò Isacco, Isacco generò Giacobbe, Giacobbe generò Giuda e i suoi fratelli, 3 Giuda generò Fares e Zara da Tamar, Fares generò Esrom, Esrom generò Aram, 4 Aram generò Aminadàb, Aminadàb generò Naassòn, Naassòn generò Salmon, 5 Salmon generò Booz da Racab, Booz generò Obed da Rut, Obed generò Iesse, 6 Iesse generò il re Davide.
Davide generò Salomone da quella che era stata la moglie di Uria, 7 Salomone generò Roboamo, Roboamo generò Abia, Abia generò Asaf, 8 Asaf generò Giòsafat, Giòsafat generò Ioram, Ioram generò Ozia, 9 Ozia generò Ioatàm, Ioatàm generò Acaz, Acaz generò Ezechia, 10 Ezechia generò Manasse, Manasse generò Amos, Amos generò Giosia, 11 Giosia generò Ieconia e i suoi fratelli, al tempo della deportazione in Babilonia.
12 Dopo la deportazione in Babilonia, Ieconia generò Salatièl, Salatièl generò Zorobabele, 13 Zorobabele generò Abiùd, Abiùd generò Eliachìm, Eliachìm generò Azor, 14 Azor generò Sadoc, Sadoc generò Achim, Achim generò Eliùd, 15 Eliùd generò Eleazar, Eleazar generò Mattan, Mattan generò Giacobbe, 16 Giacobbe generò Giuseppe, lo sposo di Maria, dalla quale è nato Gesù, chiamato Cristo.
[17 In tal modo, tutte le generazioni da Abramo a Davide sono quattordici, da Davide fino alla deportazione in Babilonia quattordici, dalla deportazione in Babilonia a Cristo quattordici.]
18 Così fu generato Gesù Cristo: sua madre Maria, essendo promessa sposa di Giuseppe, prima che andassero a vivere insieme si trovò incinta per opera dello Spirito Santo. 19 Giuseppe suo sposo, poiché era uomo giusto e non voleva accusarla pubblicamente, pensò di ripudiarla in segreto. 20 Mentre però stava considerando queste cose, ecco, gli apparve in sogno un angelo del Signore e gli disse: «Giuseppe, figlio di Davide, non temere di prendere con te Maria, tua sposa. Infatti il bambino che è generato in lei viene dallo Spirito Santo; 21 ella darà alla luce un figlio e tu lo chiamerai Gesù: egli infatti salverà il suo popolo dai suoi peccati».
22 Tutto questo è avvenuto perché si compisse ciò che era stato detto dal Signore per mezzo del profeta:
23 Ecco, la vergine concepirà e darà alla luce un figlio:
a lui sarà dato il nome di Emmanuele,
che significa Dio con noi.

CANTI PER LA LITURGIA DELLA NATIVITA’ DELLA BEATA VERGINE MARIA

CONVOCAZIONE

1     Ave stella del mare

Madre gloriosa di Dio

vergine sempre Maria

porta felice del cielo

2     l’ave del messo celeste

reca l’annuncio di Dio

muta la sorte di Eva

dona al mondo la pace

3     spezza i legami agli oppressi

rendi la luce ai ciechi

scaccia da noi ogni male

chiedi per noi ogni bene

4     mostrati madre per tutti

offri la nostra preghiera

Cristo l’accolga benigno

lui che si è fatto tuo Figlio

5     vergine santa fra tutte

dolce regina del cielo

rendi innocenti i tuoi figli

umili e puri di cuore

6     donaci giorni di pace

veglia sul nostro cammino

fà che vediamo il tuo Figlio

pieni di gioia nel cielo

7     lode all’altissimo Padre

gloria al Cristo Signore

salga allo Spirito Santo

l’inno di fede e di amore

 

INIZIO

Rit. Ave ave Maria Madre del Signor
arca dell’alleanza porta del cielo
tu dimora del Verbo fatto carne
madre della salvezza della pace

1     Ecco la dimora di Dio con gli uomini

Egli dimorerà con loro ed essi saranno

saranno suo popolo

e sarà il Signore il Dio con loro

e tergerà ogni lacrima dai loro occhi

più la morte non ci sarà

2     Mai lamento ci sarà né lutto né affanno

sono passate le cose di prima ecco sono

[compiute

sono nuove tutte le cose

sono l’alfa e l’omega il principio e la fine

a chi ha sete darò da bere acqua di vita

della fonte di vita

3     Poi un angelo mi parlò vieni ti mostrerò

la fidanzata la sposa dell’Agnello la città

la santa Gerusalemme

e scendeva dal cielo splendente di gloria

il suo splendore è come una gemma preziosa

come diaspro purissimo

4     E non vidi tempio alcuno in essa

perché il Signore Dio l’Onnipotente e l’Agnello

sono il suo tempio

e non ha bisogno di luce del sole

né della luna perché la gloria di Dio la illumina

la sua luce è l’Agnello

5     E cammineranno tutti i popoli

alla sua luce e i re della terra a lei porteranno

ogni loro grandezza

la maledizione non vi sarà mai più

perché il trono di Dio e dell’Agnello

sarà in mezzo a lei

6     E la notte non ci sarà non ci sarà mai più

e non avranno più bisogno di luce di lampada

né di luce di sole

il Signore Dio la illuminerà

vedranno il suo volto e regneranno nei secoli

in eterno per sempre

 

OFFERTORIO

1    Chi è costei che sorge come aurora

fulgida come il sole

l’han vista le giovani e l’han detta beata

ne hanno intessuto le lodi

quanto bella e quanto sei graziosa

splendida come la luna

tu perfetta unica colomba del Signore

piena di grazia Maria

 

2     ave tu che i cherubini

cantano e gli angeli acclamano

ave tu che sei la pace

gioia del genere umano

tu giardino di delizia

ave o legno di vita fonte della grazia

splendore della chiesa

a te lode e onore in eterno

 

3     ave terra tutta santa

vergine dolce Maria

ave madre del Signore

tu hai generato il germoglio

verga frutto di salvezza

che doni il pane di vita

fonte d’acqua viva olio di esultanza

nostra immortale letizia

 

4     ave Madre del Signore

umile ancella di Dio

ave fonte del perdono

per i tuoi figli salvezza

tu splendore di purezza

tu delle valli rugiada

fiume sei di pace di misericordia

tu indulgente pietosa

COMUNIONE

Rit.(donne) L’anima mia magnifica, magnifica il Signor
(uomini) ed esulta il mio spirito in Dio mio salvator (si ripete tutti insieme)

1     Della sua serva – la miseria egli guardò

tutte le generazioni  – mi diran beata

perché grandi cose ha fatto – il potente in me

grandi cose ha operato – ed è santo il nome suo

2     per generazioni – e generazioni

la misericordia sua – è per chi lo teme

la potenza ha spiegato – del suo braccio il Signor

i superbi ha disperso – nell’intento del loro cuor

3     i potenti rovesciò – dai troni il Signor

ha deposto i potenti – ed i miseri esaltò

quanti erano affamati – ricolmò di beni

ed i ricchi resi vuoti – il Signore rimandò

4     ha raccolto il Signor – il suo bimbo Israel

della sua misericordia – così Dio si ricordò

come egli aveva detto – ai nostri padri

ad Abramo ed al suo seme – in eterno e sempre

5     alla santa Trinità – ogni gloria e lode

gloria al Padre al Figlio – ed al Santo Spirito

come era in principio – così ora e sempre

per i secoli eterni          – per i secoli Amen

FINALE

Nessuno ti chiamerà più “Abbandonata”
Né la tua terra sarà più detta “Devastata”,
ma tu sarai chiamata “Mio compiacimento”
e la tua terra “Sposata”,
perché di te si compiacerà il Signore
e la tua terra avrà uno sposo.