Pages Navigation Menu

Una risposta che parte dall’amore fraterno

IMG_0124Mi scusi, ma non riesco a capire come mai, in questo momento in cui siamo esposti alla violenza del mondo islamico, lei organizza un incontro con i mussulmani.

È solo una frase di un lungo messaggio di accusa e di risentimento. È l’unica parola di disapprovazione che ricevo tra i molti scritti che mi dicono la gioia per l’incontro che mercoledì scorso ha unito più di duecentocinquanta persone per la prima lezione di fratello Ignazio della comunità di Monte Sole per un avvio di conoscenza del testo del Corano. Preferisco rispondere a questa protesta senza tener conto dell’adesione di moltissimi, forse troppi, che hanno reso necessario trovarsi in chiesa qui alla Dozza, perché non abbiamo una stanza abbastanza grande per poterci stare tutti. A questo amico lettore dico: se anche uno ti è nemico… e di più se anche ti fa del male… la giustizia e la verità di una risposta non può essere che quella che parte dall’amore fraterno. Perché noi cristiani, certamente tutti poveri peccatori, tuttavia sappiamo bene che anche il nostro peggiore nemico è prima di tutto nostro fratello nell’unica grande famiglia che riunisce l’intera umanità nella paternità di Dio. È quello che Gesù, il Figlio prediletto, è venuto ad annunciare a ciascuno e a tutti. Questo legame profondo ci unisce in modo particolare ai nostri fratelli ebrei e ai nostri fratelli mussulmani, tutti discendenti dalla fede del patriarca Abramo. Giovedì sera il nostro Cardinale Arcivescovo ha promosso uno straordinario e meraviglioso incontro di preghiera per la pace con la partecipazione dei figli delle tre grandi fedi monoteiste, gli Ebrei, i Cristiani e i Mussulmani. È stato un incontro meraviglioso, dolce e forte, che può essere considerato l’inizio di molte altre occasioni di conoscenza reciproca e di dialogo. Le guerre ci sono quando si rinuncia alla conversazione, e al dialogo si sostituiscono le armi. Anche noi cristiani abbiamo dolorosamente attraversato tempi e drammi non dissimili dalle violenze che ora imperversano nel mondo islamico. Ricordiamo le sanguinose guerre di religione, e i misfatti delle persecuzioni del secolo scorso dove lo sterminio degli ebrei è stato perpetrato da un etnìa di quasi tutti battezzati. Dopo secoli nei quali abbiamo affermato la nostra identità evidenziando le differenze ora il Signore ci regala un tempo nel quale gioiamo nel riconoscere le comuni ispirazioni e le medesime speranze. Ci fosse anche del male in chi ci sta davanti, non dimentichiamo che reagire al male con il male è solo danno. Rispondere al male con il bene è la gioia della Pasqua che abbiamo appena celebrato. Si faccia coraggio, caro amico. Le voglio bene e le auguro una serena Domenica. E come a lei, a tutti i miei carissimi lettori.

Don Giovanni.

Domenica 19 aprile 2015.

Tag:, , , , , , , ,

«

One Comment

  1. Ciao da Paul! Sono contento di leggere di padri di Chiesa che insegnano il Corano nelle Parrocchie a tutti i credenti in Dio, perché penso anche io che al giorno d’oggi sia importantissimo fare conoscere anche il Corano , per fare conoscere , amare e rispettare di un Amore Universale e fraterno anche i nostri fratelli Musulmani! Siamo tutti fratelli uguali in Dio , sia Musulmani che Cristiani, bisogna insegnare a conoscere, ad amare, rispettare ai Credenti in Dio anche il Corano! Ci deve essere in questo mondo Amore, Fratellanza Universale uguale per tutti, verso tutti i popoli, anche i Musulmani, soprattutto i Musulmani!!!!!!!!

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.