Pages Navigation Menu

Isaia 2,1-5

1 Messaggio che Isaia, figlio di Amoz, ricevette in visione su Giuda e su Gerusalemme. 2 Alla fine dei giorni, il monte del tempio del Signore sarà saldo sulla cima dei monti e s’innalzerà sopra i colli, e ad esso affluiranno tutte le genti. 3 Verranno molti popoli e diranno: «Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio del Dio di Giacobbe, perché ci insegni le sue vie e possiamo camminare per i suoi sentieri». Poiché da Sion uscirà la legge e da Gerusalemme la parola del Signore. 4 Egli sarà giudice fra le genti e arbitro fra molti popoli. Spezzeranno le loro spade e ne faranno aratri, delle loro lance faranno falci; una nazione non alzerà più la spada contro un’altra nazione, non impareranno più l’arte della guerra. 5 Casa di Giacobbe, venite, camminiamo nella luce del Signore.

Tag:,

«

One Comment

  1. E’ meraviglioso che, per una straordinaria coincidenza, la “lectio” di Isaia ci regali oggi questi primi cinque versetti del cap.5 che, dalla severa ammonizione di ieri, ci porta oggi a contemplare la prospettiva luminosa e universale che riceviamo dal profeta Isaia!
    Mi affascina e mi commuove che il ver.1 riprenda le parole con le quali Isaia ha aperto il Libro: “Visione che Isaia, figlio di Amoz, ebbe su Giuda e su Gerusalemme ..” (Is.1,1).
    Come in Is.1,2-3 l’intera creazione veniva chiamata a constatare la storia ferita del popolo di Dio, così nel testo di oggi il monte del tempio del Signore, “saldo sulla cima dei monti” e più alto dei colli, sarà luogo di convergenza di tutte le genti (vers.2-3)!
    I magi a Betlemme saranno questo avamposto delle genti.
    Genti alle quali giungerà la stella del Vangelo: l’annuncio della Parola del Signore sino ai confini della terra!
    E’ evento di salvezza universale!
    Il Signore “sarà giudice fra le genti e arbitro fra molti popoli”.
    E sarà la meraviglia della Pace: “Egli sarà giudice fra le genti e arbitro fra molti popoli” (ver.4).
    Essi “spezzeranno le loro spade e ne faranno aratri, delle loro lance faranno falci; una nazione non alzerà più la spada contro un’altra nazione, non impareranno più l’arte della guerra”.
    Per me è meraviglioso oggi “copiare” queste Parole della Bibbia e mandarle a voi con commosso affetto!
    E ancora un sentimento di affettuoso commosso affetto per il popolo ebraico che per tutte le nazioni ha custodito la profezia del Cristo che da loro è nato come Figlio di Dio e Figlio dell’uomo.
    Dio ti benedica. E tu benedicimi. Tuo. Giovanni.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.