Pages Navigation Menu

Galati 2,1-10

1 Quattordici anni dopo, andai di nuovo a Gerusalemme in compagnia di Bàrnaba, portando con me anche Tito: 2 vi andai però in seguito a una rivelazione. Esposi loro il Vangelo che io annuncio tra le genti, ma lo esposi privatamente alle persone più autorevoli, per non correre o aver corso invano. 3 Ora neppure Tito, che era con me, benché fosse greco, fu obbligato a farsi circoncidere; 4 e questo contro i falsi fratelli intrusi, i quali si erano infiltrati a spiare la nostra libertà che abbiamo in Cristo Gesù, allo scopo di renderci schiavi; 5 ma a loro non cedemmo, non sottomettendoci neppure per un istante, perché la verità del Vangelo continuasse a rimanere salda tra voi. 6 Da parte dunque delle persone più autorevoli – quali fossero allora non m’interessa, perché Dio non guarda in faccia ad alcuno – quelle persone autorevoli a me non imposero nulla. 7 Anzi, visto che a me era stato affidato il Vangelo per i non circoncisi, come a Pietro quello per i circoncisi – 8 poiché colui che aveva agito in Pietro per farne un apostolo dei circoncisi aveva agito anche in me per le genti – 9 e riconoscendo la grazia a me data, Giacomo, Cefa e Giovanni, ritenuti le colonne, diedero a me e a Bàrnaba la destra in segno di comunione, perché noi andassimo tra le genti e loro tra i circoncisi. 10 Ci pregarono soltanto di ricordarci dei poveri, ed è quello che mi sono preoccupato di fare.

Tag:,

«

One Comment

  1. Mi affascina e mi commuove la persistente sottolineatura che a guidare il cammino delicatissimo e spesso difficile della Chiesa, sia sempre il Signore stesso: “Vi andai in seguito a una rivelazione” (ver.2)!
    Non ci troviamo davanti a tecniche e tattiche di potere, ma sempre davanti alla volontà del Signore che ci porge i suoi doni chiedendo di accogliere con umile mitezza ogni segno della sua volontà.
    Nella Parola che oggi riceviamo in dono è di grande rilievo la presenza del “greco” (ver.3) Tito che neppure lui “fu obbligato a farsi circoncidere”!!
    E’ questo il momento nel quale Paolo espone “alle persone più autorevoli” (ver.2) della Chiesa di Gerusalemme “il Vangelo che io annuncio tra le genti”: è affascinante che qui la sua predicazione venga da Paolo qualificata come “il Vangelo che io annuncio tra le genti”. Il Vangelo è sempre … il Vangelo (!), che si piega sulla storia umana perché possa essere accolto da condizioni e situazione sempre particolari!
    Tutto avviene in un clima di sapiente prudenza, “per non correre o aver corso invano”: anche questa non è “tattica”, ma carità apostolica!
    In questo modo vengono tenuti lontani dall’annuncio e dalla testimonianza evangelica “i falsi fratelli intrusi, i quali si erano infiltrati a spiare la nostra libertà che abbiamo in Cristo Gesù, allo scopo di renderci schiavi” (ver.4).
    E’ bello questo essenziale intreccio tra fede e libertà!
    L’incontro tra Gerusalemme e l’annuncio evangelico alle genti si conclude dunque positivamente (vers.7-9: “Giacomo, Cefa e Giovanni, ritenuti le colonne, diedero a me e a Barnaba la destra in segno di comunione, perché noi andassimo tra le genti e loro tra i circoncisi” (ver.9)!
    Il ver.10 ci ricorda come sempre tutto abbia la sua fecondità in direzione dell’amore fraterno!
    Dio ti benedica. E tu benedicimi. Tuo. Giovanni.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.