Pages Navigation Menu

2Corinzi 5,5-10

5 E chi ci ha fatti proprio per questo è Dio, che ci ha dato la caparra dello Spirito.
6 Dunque, sempre pieni di fiducia e sapendo che siamo in esilio lontano dal Signore finché abitiamo nel corpo – 7 camminiamo infatti nella fede e non nella visione –, 8 siamo pieni di fiducia e preferiamo andare in esilio dal corpo e abitare presso il Signore. 9 Perciò, sia abitando nel corpo sia andando in esilio, ci sforziamo di essere a lui graditi. 10 Tutti infatti dobbiamo comparire davanti al tribunale di Cristo, per ricevere ciascuno la ricompensa delle opere compiute quando era nel corpo, sia in bene che in male.

Tag:,

«

One Comment

  1. Desidero con voi ammirare la nostra delicata e luminosa condizione di vita: “Chi ci ha fatti proprio per questo è Dio, che ci ha dato la caparra dello Spirito” (ver.5).
    Lo Spirito è l’ “anticipo” della vita divina alla quale siamo chiamati. Dunque non siamo ancora nella nostra condizione “finale” e piena di figli di Dio, ma di essa ci è stata data la caparra: viviamo dunque in questo “già, e non ancora”.
    Questo “anticipo” è l’orientamento essenziale di tutta la nostra vita terrena! Immersi ancora nel turbine della storia, viviamo tale vita già come nella sua pienezza!
    Questa è la vita cristiana: malgrado tutto e al di là di tutto, Dio è nostro Padre e noi siamo tutti fratelli!
    Il cristiano è chiamato a vivere in questo “anticipo” evangelico: una vita generata, condotta e giudicata dal Vangelo che ci annuncia e ci dona questa pienezza!
    La versione italiana rende il verbo greco con il termine “esilio”: al ver.6 per dire che “siamo in esilio lontano dal Signore” e al ver.8 per dire che “preferiamo andare in esilio dal corpo e abitare presso il Signore”.
    Tutta la nostra esistenza è guidata da questo criterio e da questo obiettivo. E quindi da questa “scelta”!
    L’esilio è caratterizzato, dice il ver.7, dalla realtà per la quale “camminiamo nella fede e non nella visione”! La fede è questo “vedere già” quello che ancora non ci è dato in pienezza!
    Infatti, ancora “abitiamo nel corpo”, dal quale ci esilieremo per abitare presso il Signore.
    Il ver.9 offre la conseguenza di tutto ciò: “Sia abitando nel corpo sia andando in esilio – che sono i due volti della nostra attuale esistenza! – ci sforziamo di essere a lui graditi”.
    Io preferisco la proposta che in alternativa a quel “ci sforziamo” sceglie “bramiamo, ambiamo, consideriamo un onore” essere a Lui graditi! Questo ci consente di interpretare più profondamente il “tribunale di Cristo”, forse non così orientato ad un giudizio di assoluzione o di condanna, ma ad una pienezza di rivelazione del bene e del male in ognuno di noi.
    Dio ti benedica. E tu benedicimi. Tuo. Giovanni.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.