18 Fece quindi avvicinare l’ariete dell’olocausto e Aronne e i suoi figli stesero le mani sulla testa dell’ariete. 19 Mosè lo immolò e ne sparse il sangue attorno all’altare. 20 Poi fece a pezzi l’ariete e ne bruciò testa, pezzi e grasso. 21 Dopo averne lavato le viscere e le zampe con acqua, bruciò tutto l’ariete sull’altare: olocausto di soave odore, un sacrificio consumato dal fuoco in onore del Signore, come il Signore gli aveva ordinato. 22 Poi fece accostare il secondo ariete, l’ariete della investitura, e Aronne e i suoi figli stesero le mani sulla testa dell’ariete. 23 Mosè lo immolò, ne prese del sangue e bagnò il lobo dell’orecchio destro di Aronne e il pollice della mano destra e l’alluce del piede destro. 24 Poi Mosè fece avvicinare i figli di Aronne e bagnò con quel sangue il lobo del loro orecchio destro, il pollice della mano destra e l’alluce del piede destro; sparse il resto del sangue attorno all’altare. 25 Poi prese il grasso, la coda, tutto il grasso aderente alle viscere, il lobo del fegato, i reni con il loro grasso e la coscia destra; 26 dal canestro dei pani azzimi, che era davanti al Signore, prese una focaccia senza lievito, una focaccia di pasta intrisa nell’olio e una schiacciata e le pose sulle parti grasse e sulla coscia destra. 27 Poi mise tutte queste cose sulle mani di Aronne e sulle mani dei suoi figli e le agitò con l’agitazione rituale davanti al Signore. 28 Mosè quindi le prese dalle loro mani e le bruciò sull’altare sopra l’olocausto: sacrificio di investitura, di soave odore, sacrificio consumato dal fuoco in onore del Signore. 29 Poi Mosè prese il petto dell’ariete e lo agitò come offerta da agitare ritualmente davanti al Signore; questa fu la parte dell’ariete dell’investitura toccata a Mosè, come il Signore gli aveva ordinato. 30 Mosè prese quindi l’olio dell’unzione e il sangue che era sopra l’altare; ne asperse Aronne e le sue vesti, i figli di lui e le loro vesti; così consacrò Aronne e le sue vesti e similmente i suoi figli e le loro vesti. 31 Poi Mosè disse ad Aronne e ai suoi figli: “Fate cuocere la carne all’ingresso della tenda del convegno e là mangiatela con il pane che è nel canestro dell’investitura, come mi è stato ordinato. La mangeranno Aronne e i suoi figli. 32 Quel che avanza della carne e del pane, bruciatelo nel fuoco. 33 Per sette giorni non uscirete dall’ingresso della tenda del convegno, finché cioè non siano compiuti i giorni della vostra investitura, perché la vostra investitura durerà sette giorni. 34 Come si è fatto oggi così il Signore ha ordinato che si faccia per compiere il rito espiatorio su di voi. 35 Rimarrete sette giorni all’ingresso della tenda del convegno, giorno e notte, osservando il comandamento del Signore, perché non moriate, poiché così mi è stato ordinato”. 36 Aronne e i suoi figli fecero quanto era stato ordinato dal Signore per mezzo di Mosè.

Tags: Levitico